Passo dopo passo

Tappa Carrion de los condes Shagun
03-08-2021


Una tappa forte robusta e io che temevo l’azzardo deciso.

40 chilometri di strada in 5 ore, la carrozzina ha tenuto senza una svirgolata, io invece continuavo ad invocare il cammino perché non mi lasciasse. Quando ho visto da lontano Shagun ho pianto. Non solo perché ce l’avevo fatta ma per tutto quel groviglio di emozioni che lungo i 40 chilometri si affacciavano senza permesso. Ora brucianti di rimpianti ora lievi di dignità. E io che li ne condividevo la fragilità con il cammino.

Domani sarò a Leon. E credo che approfitterò di un taxi in quanto ci sono più di 60 km da Shagun a Leon. Oltre un certo limite bisogna essere onesti con se stessi.

Un’ultima cosa è che qui nell’ albergo dove alloggio mi son trovato il panzone che 7 anni fa mi fece bere due bicchieri di vino che si chiamava “bona noche”.

E io onorai alla grande quel nome. By by, a domani.

Pubblicato da Vincenzo Russo

Educatore, scrittore, insegnante e amante del Cammino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: